L’uva da tavola pugliese

uva%20pugliese.jpg

I vitigni della Puglia:

Sugraone bianca

Italia bianca

Regina bianca

Victoria bianca

Red Globe rossa

Michele Panieri nera

Matilde bianca

Primus bianca

Baresana bianca

Cardinal nera

  

Sugraone

Bianca senza semi, possiede le migliori caratteristiche tra le varietà senza semi: precoce, grappolo conico, mediamente compatto, acino ovoidale medio-grande, di colore giallo, polpa croccante, qualità organolettiche eccellenti, risponde bene, (anticipando la maturazione), alle tecniche di copertura con film plastico. In coltura protetta ha notevolmente aumentato la fertilità delle gemme e la produzione.

 

Italia

Bianca con semi, è la varietà più diffusa e preferita nel mondo. Ha eccellenti caratteristiche: grappolo grande del peso medio di circa 800-900 g di colore giallo. Si conserva bene sulla pianta con copertura con film di plastica e la sua commercializzazione avviene dall’inizio della seconda decade di agosto fino a metà gennaio.

 

Regina

L’uva Regina è considerata fra le più antiche e diffuse uve da tavola. Quasi certamente ha origini orientali (forse Siria). Era molto apprezzata dagli antichi romani (grandi intenditori di uve) che la introdussero nel loro impero. E’ un frutto che è molto apprezzato anche oggi: bell’aspetto e ottimo gusto.

 

Red Globe

Nera con semi, con epoca di maturazione e raccolta da settembre alla fine di dicembre. Grappolo molto sviluppato, mediamente compatto, del peso superiore a 1000 g, molto produttiva. È conosciuta in tutto il mondo ed è richiesta nei maggiori mercati di commercializzazione internazionali.

 

Nei reparti ortofrutticoli, l’uva da tavola si può trovare da luglio fino a metà gennaio. Il massimo quantitativo di produzione si raggiunge nel mese di settembre, ottobre e novembre.

 

Le zone di maggior produzione:

 

Nella provincia di Bari:

Rutigliano, Noicattaro, Barletta, Adelfia, Trani, Mola di Bari, Casamassima

 

Nella provincia di Taranto:

Castellaneta, Grottaglie, Vinosa, Palagiano, Palagianello, Taranto

 

Nella provincia di Foggia:

Foggia, Trinitapoli, Cerignola, San Ferdinando di Puglia

 

Proprietà:

Gli acini d’uva sono composti dal 75% d’acqua e dal 25% di glucidi, acidi organici e pectine. Ogni 100 grammi d’uva contengono 60-80 calorie. Ricca di sali minerali presenti soprattutto nella buccia (potassio, fosforo, magnesio, calcio,  fluoro), l’uva contiene anche le vitamine A, B1, B2, C e gli zuccheri (glucosio e fruttosio).  I semi contengono tannini e lipidi.

 

Benefici:

L’uva, grazie alle sue proprietà nutritive, è un alimento particolarmente energetico e digeribile. Per quanto riguarda  le proprietà terapeutiche, l’uva da tavola è depurativa, disintossicante, tonificante e ricostituente. Povera di sodio, l’uva è particolarmente adatta all’alimentazione degli anziani, consigliata contro ipertensione, arteriosclerosi, artrite, gotta, come lassativo e per agevolare  la diuresi.

 

Uso:

L’uva oltre che mangiarla fresca o sotto  forma di succhi e sciroppi si può consumare anche “passita”  (uva passa). L’uva passa mantiene integre le stesse proprietà dell’uva fresca ma ha un  elevato potere calorico. Usata in cucina nella preparazione dei dolci, può sostituire lo zucchero. L’uva fresca viene utilizzata anche per marmellate, grappe,  vini da tavola e medicinali.

 

Conservazione:

Una volta acquistata, l’uva va consumata il prima possibile. Il prodotto si mantiene meglio se gli acini sono molto distanziati tra loro in modo che passi l’aria e rimangano asciutti.

L’uva da tavola puglieseultima modifica: 2008-08-27T12:46:00+00:00da bravo_cook
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “L’uva da tavola pugliese

  1. Ciao,
    il problema potrebbe essere legato ad alcuni elementi “non MyBlog” inseriti nelle colonne laterali. Ti consigliamo di disattivarli tutti e riattivarli uno a uno per capire quale possa essere quello che crea il problema di visualizzazione.
    A presto.

Lascia un commento