Parola d’Autore Incontri al Museo Audiovisivi della Resistenza 2010

Parola d’Autore
Incontri al Museo Audiovisivi della Resistenza

da: 28/02/2010
a: 26/05/2010
Dove:
Fosdinovo (MS)

Toscana

Italia
Per maggiori informazioni:
info evento Tel. 0187 680014 / 320.7798942
Fonte: EARTH scrl – La Spezia Ufficio stampa

parole_dautore

Terzo incontro della rassegna

“Parola d’Autore
Incontri al Museo Audiovisivo della Resistenza”

Domenica 18 aprile Alberto Cavaglion e Marzia Luppi protagonisti del dibattito al Museo della Resistenza

Al via il terzo appuntamento della rassegna “Parola d’Autore” che si terrà a Fosdinovo, presso il Museo Audiovisivo della Resistenza, domenica 18 aprile a partire dalle ore 11.

Figura di spicco nel mondo della ricerca storica, Alberto Cavaglion, sarà presente per la presentazione del suo libro “La Resistenza spiegata a mia figlia” e per il dibattito che, moderato da Maurizio Fiorillo – del Comitato scientifico del museo stesso – vedrà anche la presenza di Marzia Luppi, direttrice della Fondazione ex campo Fossoli di Carpi (MO).

“Parola d’Autore” non ambisce ad essere una mera manifestazione culturale, ma vuole animare un dibattito diffuso sul territorio, proponendo personaggi legati ai temi della Resistenza a vari livelli: non solo le analisi puntuali e le meditazioni profonde di studiosi e ricercatori ma proprio le testimonianze di coloro che vissero la Resistenza “sulla propria pelle”, desiderosi di mantenere vivi i valori della democrazia e della libertà. Sono state le vere protagoniste dell’incontro del 14 marzo le parole dei testimoni: parole che in bocca ad altri stanno al livello di mere celebrazioni qui acquistano vero significato e levatura. Dall’accorato discorso di Gnecchi alla candida lettura di Zuccarelli della famosa epigrafe scritta da Piero Calamandrei (per la lapide “ad ignominia”, collocata nell’atrio del Palazzo Comunale di Cuneo in segno di imperitura protesta per l’avvenuta scarcerazione del criminale nazista Albert Kesselring), per arrivare ai ricordi ancora nitidi, precisi e così perfettamente vivi nella memoria di Laura Seghettini e Wanda Bianchi.

L’incontro di domenica 18 aprile sarà particolarmente stimolante: il libro di Cavaglion è un libro “scomodo” – ricordiamo che Einaudi rifiutò di pubblicarlo – e l’ autore si dichiara, al proposito, uno storico “non allineato”, ponendo una sostanziale differenza fra le esigenze della politica e quelle della storia. I temi difficili e i rapporti di forza complicati vengono affrontati con parole semplici ma che mai rischiano banalizzazioni. E, ancora, gli eventi mai si piegano a un loro uso strumentale o politico.

In chiusura dell’incontro il ristorante del Museo della Resistenza sarà aperto per l’occasione (previa prenotazione) per poter pranzare tutti insieme e chi fosse intenzionato può effettuare una visita guidata alla video-installazione del museo.

Per informazioni e prenotazioni

0187 680014
320.7798942
info@museodellaresistenza.it

* * *

“Parola d’Autore
Incontri al Museo Audiovisivo della Resistenza”

– Studiare le stragi per fare giustizia –

Ottimi riscontri per il primo appuntamento della rassegna culturale “Parola d’Autore – Incontri al Museo Audiovisivo della Resistenza”, l’iniziativa curata dal museo Audiovisivo della Resistenza delle Province di Massa Carrara e La Spezia e diretto da Earth scrl, finanziata dalla Provincia della Spezia e dalla Regione Liguria, ospitata negli spazi del museo stesso, a Fosdinovo.

L’iniziativa rientra nel programma di attività utili, come spiega il prof. Renzo Bellettato – presidente del Museo della Resistenza – in apertura dell’incontro, a far vivere il museo per tutto il corso dell’anno. Tenuto conto anche del progetto di ampliamento dello spazio museale, per il quale la Regione Liguria e la Regione Toscana hanno stanziato adeguati finanziamenti, “Parola d’Autore” – in quanto attività strutturata e a cadenza periodica – rappresenta l’inizio di un nuovo percorso, andando ad affiancare tutte quelle attività didattiche particolarmente care al museo.

La prima puntata domenica 28 febbraio: a presentare il libro “Uccidere i civili. Le stragi naziste in Toscana (1943-1945)” di Gianluca Fulvetti – ricercatore presso il Dipartimento di Storia dell’Università di Pisa – in veste di moderatore il dott. Maurizio Fiorillo del Comitato Scientifico del Museo della Resistenza. A partire dalla disamina delle varie tipologie di stragi imputate ai nazisti sul territorio toscano, la riflessione porta a un livello superiore, sul significato di questo evento nel panorama globale della storia dell’Italia e su cosa abbiano significato, in tempi più recenti, il recupero della memoria e il recente riesame da parte della giustizia. Anche se si dovuto aspettare più di mezzo secolo.

Più in particolare, il libro di Fulvetti è uno dei risultati di un più vasto progetto di ricerca nazionale sulla guerra ai civili, i non combattenti, ovvero sulle stragi perpetuate dai nazisti sulla popolazione civile. Come tiene a precisare Fiorillo, “Parola d’Autore” ospiterà anche altri protagonisti di questa stagione di ricerca, Luca Baldissara con il suo “Il Massacro. Guerra ai civili a Monte Sole” – sul terribile evento di Marzabotto – e il film di Giorgio Diritti “L’uomo che verrà”. “Uccidere i civili. Le stragi naziste in Toscana (1943-1945)” ha un grandissimo pregio, in quanto affianca a un esame molto particolareggiato, metodico e completo degli eventi una cornice generale, solida, che lega tutti i singoli eventi in un quadro esaustivo. Non solo ricostruzione storica: Fulvetti affronta problemi metodologici di classificazione e, quindi, propone tipologie di stragi. Da quelle più “razionali”, motivate da esigenze di controllo, ad altre più difficili da comprendere – dai massacri operati come rappresaglie ad atti compiuti dai partigiani per arrivare ai massacri “dell’ultimo giorno”, quelli compiuti prima della ritirata dei tedeschi da una località.

“Ma attenzione a categorizzazioni troppo semplicistiche”, secondo Claudio Silingardi, direttore dell’Istituto Storico della Resistenza di Modena ma anche e soprattutto ricercatore ed esperto, è necessario affrancarsi dai luoghi comuni e ridimensionare la categoria della “vittima”. Conclude Marco De Paolis – Magistrato del tribunale Militare di Verona, noto nella provincia spezzina per la sua attività di Procuratore Militare – con l’augurio che il lavoro non si esaurisca a livello di ricerca ma serva alle generazioni future come base per la vita, con vero significato di civis.

Il secondo incontro, domenica 14 marzo a partire dalle ore 11, propone una giornata di studio – “Marzo 1944: primavera ribelle, fiorisce la Resistenza in Lunigiana” – moderata, come sempre, dal dott. Fiorillo. Al dibattito interverranno Giovanni Contini – Soprintendenza Archivistica per la Toscana, Massimo Salsi – ricercatore – e i testimoni Teresa Cheirasco, Pietro Gnecchi, Paolino Ranieri, Laura Seghettini e Pietro Zuccarelli. Seguirà il pranzo al ristorante del museo, previa prenotazione, e la visita guidata all’installazione audiovisiva. Un’iniziativa per trascorrere insieme una giornata al museo.

Per informazioni e prenotazione 0187 680014 / 320.7798942

* * *

PAROLA D’AUTORE
I^ edizione

Incontri al Museo Audiovisivi della Resistenza

28 Febbraio – 14 Marzo – 18 Aprile – 26 Giugno

Primo incontro della rassegna “Parola d’Autore – Incontri al Museo Audiovisivo della Resistenza” che si terrà domenica 28 febbraio presso il Museo Audiovisivo della Resistenza a Fosdinovo, a partire dalle h 11

Si aprirà domenica 28 febbraio la prima edizione della rassegna “Parola d’Autore”, organizzata e ospitata dal Museo Audiovisivo della Resistenza, con la presentazione del libro di Gianluca Fulvetti “Uccidere i civili. Le stragi naziste in Toscana (1943-1945)”. All’incontro sarà presente l’autore e interverranno Marco De Paolis, Magistrato del tribunale militare di Verona, e Claudio Silingardi, Direttore dell’Istituto Storico della Resistenza di Modena. Moderatore del dibattito Maurizio Fiorillo – Comitato Scientifico Museo Audiovisivo della Resistenza di Fosdinovo.

Il libro di Fulvetti ricostruisce e interpreta le diverse fasi della cosiddetta “guerra ai civili” – ossia le stragi compiute dall’esercito tedesco nei confronti della popolazione toscana nei venti mesi dell’occupazione – che costò la vita a oltre 3650 persone, facendo della Toscana una delle regioni italiane più duramente colpite. L’autore sostiene che tale efferatezza facesse capo a una strategia metodica elaborata dal comando della Wehrmacht e tratteggia una “cronografia della violenza”, individuando fasi della guerra ai civili in Toscana, definite da coordinate fisico – spaziali (aree maggiormente colpite) e temporali (tra il settembre 1943 e l’aprile 1945).

Sarà inoltre possibile, dopo l’incontro e previa prenotazione, pranzare al ristorante del museo ed effettuare una visita guidata. Tutto questo per trascorrere insieme un’intera giornata al museo, con confronti e dibattiti costruttivi, condividendo il pranzo e visitando la video-installazione museale.

Per informazioni e prenotazione 0187 680014 / 320.7798942

Museo Audiovisivo della Resistenza

* * *

PAROLA D’AUTORE
I^ edizione

Incontri al Museo Audiovisivi della Resistenza

28 Febbraio – 14 Marzo – 18 Aprile – 26 Giugno

Si è conclusa la conferenza stampa di presentazione della prima edizione della rassegna culturale “Parola d’Autore”, curata dal Museo Audiovisivo della Resistenza delle province di Massa Carrara e La Spezia, oggi giovedì 24 febbraio, presso il Palazzo della Provincia della Spezia.

L’iniziativa, co-finanziata dalla Regione Liguria e dalla Provincia della Spezia e diretta da Earth scrl, partirà domenica prossima 28 febbraio negli spazi del Museo Audiovisivo della Resistenza sito in Fosdinovo.

A esporre l’iniziativa il Prof. Renzo Bellettato, presidente del Museo Audiovisivo della Resistenza, Francesca Caleo, responsabile del museo e della segreteria organizzativa dell’iniziativa “Parola d’Autore”, il Dott. Maurizio Fiorillo, comitato scientifico del museo, alla presenza del presidente del Consiglio Provinciale della Spezia Giovanni Destri, del Consigliere Provinciale Gianni Neri, dell’assessore del Comune della Spezia Cristiano Ruggia e di esponenti della stampa locale.

In apertura il Prof. Bellettato, ricordando tutte le attività nate in seno al Museo della Resistenza, ha sottolineato la ferma intenzione di animare gli spazi museali con attività straordinarie – non solo didattiche – per l’intero corso dell’anno, motivo per cui “Parola d’Autore” è un’iniziativa che ricerca un sorta di sistematicità degli incontri, previsti, appunto, a cadenza mensile – da febbraio a giugno. Sempre nel senso di animare a trecentosessanta gradi il museo, sono stati stanziati finanziamenti per 100.000 euro, metà dei quali dalla Regione Liguria e metà dalla Regione Toscana, rendendo così possibile effettuare i lavori di ampliamento della struttura, con la creazione di una sala polivalente.

La ricerca di un pubblico eterogeneo, nelle parole della Dott.ssa Caleo, ha spinto alla progettazione di un evento che, durante il fine settimana – il sabato o la domenica – permetterà di trascorrere un’intera giornata al museo, partendo dalla presentazione di un libro, quindi l’incontro con il relativo autore, passando per il pranzo – o la cena – presso il ristorante del museo stesso e concludendo con la visita guidata all’installazione audiovisiva museale.

L’assessore Ruggia ha espresso consenso per la rassegna “Parola d’Autore”, sottolineando come iniziative di questo genere siano capaci di tramandare la memoria storica in modo autentico ma, allo stesso tempo, innovativo e inedito, proprio in virtù del taglio particolare e del grado di approfondimento con cui si rivolgono al pubblico. Il presidente del Consiglio Provinciale Giovanni Destri ha confermato la volontà della provincia della Spezia di portare avanti progetti tesi a valorizzare il Museo Audiovisivo della Resistenza, “patrimonio grandioso di tutti”, riferendo, quindi, l’intenzione di incrementare l’attività stessa del museo.

Il primo incontro è fissato per domenica 28 febbraio a partire dalle ore 11 presso il Museo della Resistenza a Fosdinovo, durante il quale – come ha ricordato il Dott. Fiorillo – avverrà la presentazione del libro di Gianluca Fulvetti “Uccidere i civili. Le stragi naziste in Toscana (1943-1945)”. Al dibattito, moderato dal Dott. Fiorillo, interverranno Marco De Paolis – Magistrato del tribunale militare di Verona – e Claudio Silingardi – direttore dell’Istituto Storico della Resistenza di Modena – oltre, ovviamente, all’autore stesso.

SCHEDA RELATORI

Luca Baldissara – Luca Baldissara insegna Storia contemporanea nell’Università di Pisa, dirige la rivista “900. Per una storia del tempo presente” e il Centro studi R60 – Centro di ricerca sociale, studi sindacali e storia dell’età contemporanea. Si occupa di storia istituzionale e amministrativa, di storia della guerra e della Resistenza, di storia del sindacato e dei movimenti sociali e politici. Recentemente ha curato il volume 2La guerra giusta. Concetti e forme storiche di legittimazione dei conflitti” (ed. L’ancora del Mediterraneo 2009). La collaborazione con Paolo Pezzino, oltre alla firma di “Il massacro. Guerra ai civili a Monte Sole” (ed. Il Mulino 2009), ha visto la cura dei volumi “Crimini e memorie di guerra. Violenze contro le popolazioni e politiche del ricordo” (2004), e “Giudicare e punire. I processi per crimini di guerra tra diritto e politica” (2005), entrambi pubblicati presso “L’ancora del Mediterraneo”.

Alberto Cavaglion – Alberto Cavaglion vive a Torino; dal febbraio 2009 è professore a contratto presso l’Università di Firenze; fa parte del comitato di redazione delle riviste “L’indice dei libri del mese” e “Mondo contemporaneo”. Fra le sue pubblicazioni: Per via invisibile (Il Mulino, 1998); Italo Svevo (B. Mondadori, 2000); Il senso dell’arca. Ebrei senza saperlo (L’ancora del Mediterraneo, 2006); Notizie su Argon. Gli antenati di Primo Levi (Instarlibri, 2006) e La Resistenza spiegata a mia figlia, Premio Lo Straniero 2005 (L’ancora del mediterraneo, 2005; nuova ed. ampliata 2008).

Giovanni Contini – Dal 1984 dirige la sezione «archivi audiovisivi» della Soprintendenza archivistica per la Toscana. Dal 1992 rappresenta l’Italia nell’International Council on Archives – Committee on Oral Traditions. Fa parte del comitato italiano dell’Unesco sull’eredità immateriale. Dal 2001 è nel comitato di redazione della rivista «Ossimori» e dirige la collana «Storia e Memoria» (Centro Editoriale Toscano). Dal marzo del 2002 è Visiting professor presso la Tokyo University. Ha pubblicato diversi saggi in lingua italiana, inglese, tedesca e francese, tra cui Memoria e storia. Le officine Galileo nel racconto degli operai, dei tecnici, dei manager (Franco Angeli, 1985); insieme ad A. Martini, Verba manent. L’uso delle fonti orali per la storia contemporanea, (La Nuova Italia Scientifica, 1993), La memoria divisa, (Rizzoli, 1997), Aristocrazia Contadina – Sulla complessità della società mezzadrile. Fattoria, famiglie, individui (2005 Protagon ed. Ristampata nel 2008, Gli Ori ed). Nel 2006 è stato Regents’ Fellow presso UCLA (Los Angeles). Nel 2006 e nel 2009 è stato invitato a tenere conferenze sulla guerra civile italiana in varie università giapponesi. Dal 2006 insegna presso l’Università Roma La Sapienza Scienze Umanistiche.

Marco De Paolis – Dal febbraio 1988, Marco De Paolis è Magistrato Militare, già Procuratore Militare Capo della Repubblica della Spezia dal 2002 al 2008; attualmente svolge le funzioni di Sostituto Procuratore Generale Militare nella Procura Generale Militare della Repubblica presso la Corte Militare d’Appello di Roma. Laureato con lode in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Roma, per numerosi anni è stato docente di diritto penale, procedura penale e diritto penale militare presso l’Accademia Navale di Livorno e presso la Scuola Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri a Firenze, conseguendo anche l’idoneità all’insegnamento universitario della materia di “procedura penale” presso l’Università degli Studi di Bologna.

Come Giudice per le Indagini preliminari prima, e come Pubblico Ministero poi, è stato titolare di circa 450 procedimenti penali per crimini di guerra (per circa 350 dei quali conducendone le indagini da Pubblico Ministero), istruendo e portando a conclusione in dibattimento molteplici processi – alcuni conclusi ed altri ancora in corso – per le più gravi stragi nazi-fasciste compiute durante la seconda guerra mondiale, fra cui Marzabotto, S. Anna di Stazzema, Civitella in val di Chiana, Vinca, Casalecchio di Reno etc.

Maurizio Fiorillo – Maurizio Fiorillo ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia presso l’Università di Pisa. È membro del direttivo dell’Istituto Ligure per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea. Si occupa di temi legati alla storia italiana del secondo conflitto mondiale e dell’utilizzo delle nuove tecnologie nella ricerca e nella didattica. Ha pubblicato saggi su riviste e volumi collettanei.

Gianluca Fulvetti – Gianluca Fulvetti (Lucca, 1973) collabora con il Dipartimento di Storia dell’Università di Pisa. Si occupa di storia della criminalità organizzata, di storia della violenza e dei crimini di guerra, e del rapporto tra Chiesa e società in età contemporanea. Collabora con diversi enti locali della Regione Toscana a progetti di didattica della storia del Novecento. Con Francesca Pelini ha curato “La politica del massacro, Per un atlante delle stragi naziste in Toscana” (L’Ancora del Mediterraneo, 2006); è autore di una monografia dedicata alla strage della Certosa di Farneta (“Una comunità in guerra”, L’ancora del Mediterraneo, 2006), episodio per il quale è stato consulente tecnico presso la Procura militare di La Spezia. Assieme a Paolo Pezzino, ha scritto “Empoli antifascista” (Pacini, 2007).

Marzia Luppi – Nata a Carpi, ha compiuto gli studi universitari a Bologna dove si è laureata in filosofia. Si è successivamente specializzata in storia e diplomata di archivistica. Ha collaborato a diverse ricerche di storia locale, in particolare relative alla Seconda guerra mondiale pubblicando il volume “Tutti salvi. La vicenda dei ragazzi ebrei di Villa Emma. Nonantola 1942-1943” (Artestampa, 2002) e curando la riedizione aggiornata della prima mostra realizzata in Italia sui lager nazisti che venne allestita a Carpi nel 1955. Docente di materie letterarie nelle scuole superiori, dal 2007 è direttrice della Fondazione ex Campo Fossoli di Carpi.

Paolo Pezzino – Paolo Pezzino è professore ordinario di Storia Contemporanea presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Pisa. Si occupa di storia del Mezzogiorno d’Italia, con particolare riferimento alla mafia siciliana, di massacri di civili nella seconda guerra mondiale, di didattica della storia, di storia dell’Italia repubblicana. È stato consulente della Commissione parlamentare di inchiesta sulle cause dell’occultamento di fascicoli relativi a crimini nazifascisti, nella XIV legislatura. Ha collaborato come consulente storico con la Procura militare della Spezia per le indagini sugli eccidi di Sant’Anna di Stazzema, Marzabotto, Bardine S. Terenzo, Valla e Vinca. E’ stato direttore del Dipartimento di Storia Moderna e Contemporanea e Prorettore dell’Università di Pisa.

Massimo Salsi – Vive e lavora a Parma, dove svolge attività presso l’Azienda Ospedaliera locale. Impegnato nel settore sociale, sindacalista e appassionato ricercatore di storia contemporanea, concentra i suoi studi con ricerche ed analisi sui fatti della Resistenza nell’Appennino Tosco Emiliano.

Claudio Silingardi – Direttore dell’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Modena, ricopre vari altri incarichi: direttore del Museo della Repubblica partigiana di Montefiorino, vice-presidente della Fondazione ex campo Fossoli di Carpi, membro del Consiglio di amministrazione dell’Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia (Insmli). Recentemente è stato nominato coordinatore della sede nazionale dell’Insmli. Ricercatore storico (in particolare sulla storia della Resistenza, del fascismo e del sindacato), si occupa anche di musei e di luoghi di memoria, sia sul piano della ricerca che su quella della progettazione museologica e ha partecipato ai riallestimenti del Museo della Repubblica partigiana di Montefiorino (1994 e 1996) e del Museo dei fratelli Cervi di Gattatico di Reggio Emilia (2001). Si occupa infine di divulgazione storica e ha realizzato, nel corso degli anni, alcune mostre fotografico-documentarie.

PAROLA D’AUTORE
I^ edizione

Incontri al Museo Audiovisivi della Resistenza

28 Febbraio – 14 Marzo – 18 Aprile – 26 Giugno

Il Museo Audiovisivo della Resistenza delle province di Massa Carrara e La Spezia è un luogo che, in virtù della propria peculiarità espressiva, permette al visitatore di vivere un’esperienza simpatetica con la memoria storica. L’installazione multimediale che abita il museo propone la sintesi, seppur virtuale, fra le funzioni di museo e di biblioteca, sensibilizzando i destinatari all’importanza del racconto orale nella ricerca storica, qui esplicata attraverso nuove metodologie di studio e inedite tecnologie narrative. Questa struttura propone ogni anno diversi progetti didattici destinati alle scuole primaria di primo e secondo grado – quali I Ragazzi fanno museo e A scuola di Costituzione – che permettono agli studenti di entrare in contatto con nuovi espedienti di analisi storica, attraverso metodologie di indagine volutamente legate a media espressivi contemporanei.

Il museo avverte la necessità di attivare nuovi progetti, nell’ordine di promuovere e valorizzare la propria struttura, affiancando alle attività didattiche e ordinarie iniziative che presentino soluzione di continuità temporale, in modo tale da animare e vivacizzare stabilmente l’offerta del museo, lungo l’intero corso dell’anno. Si tratta di progetti che recano un valore aggiunto importante ai contenuti meramente scientifici propri della collezione museale. A tal fine è rivolto Parola d’Autore, un calendario articolato di iniziative che, a cadenza mensile, si svolgeranno presso il museo stesso, previste da febbraio a giugno 2010. Il Museo Audiovisivo della Resistenza ha già ospitato iniziative simili (presentazioni di libri o dibattiti) ma questa volta ricerca la sistematicità degli incontri, mirando a divenire un appuntamento fisso per i propri interlocutori.

L’occasione offerta dalla presentazione di un libro e dal relativo incontro con l’autore suggerisce proficui spunti di riflessione, approfondimento e discussione su tematiche inerenti la lotta di liberazione e la nascita della Costituzione. L’iniziativa sarà riproposta ogni anno, per poter diventare un appuntamento fisso del museo, producendo un continuum semantico inerente tematiche ricorrenti nello studio della lotta di liberazione, ossia la resistenza partigiana, la resistenza civile, il ricordo e l’analisi di alcune stragi nazifasciste a livello non solo locale.

Parola d’Autore non si inserisce nella sola dimensione di manifestazione culturale, ma vuole animare un dibattito diffuso sul territorio, prendendo in considerazione le varie associazioni e le realtà che sinergicamente contribuiscono a mantenere vivi i valori della democrazia e della libertà, cardini della Costituzione Italiana.

2. A CHI CI RIVOLGIAMO

L’iniziativa Parola d’Autore vuole coinvolgere un pubblico eterogeneo, accomunato da una particolare sensibilità ai contenuti proposti.

Fra gli interlocutori, saranno interessati gli insegnanti delle scuole dell’obbligo e delle scuole superiori, professori e ricercatori universitari, nonché le varie sezioni Anpi, i sistemi bibliotecari e museali di entrambe le province, Massa Carrara e La Spezia, oltre, ovviamente, a tutti coloro che – a titolo personale – manifestano curiosità per l’ambito di discussione.

3. PROGRAMMA

Parola d’Autore prevede un calendario di iniziative a cadenza mensile che si terranno da febbraio a giugno 2010. Gli incontri si terranno il sabato o la domenica mattina a partire dalle ore 11. Seguirà, verso le h 13, il pranzo presso il ristorante annesso al museo (necessita di prenotazione) e una visita guidata all’interno del museo. Farà eccezione l’incontro di sabato 26 giugno che avrà inizio alle ore 17, a cui seguiranno la cena (previa prenotazione) e la visita guidata.

Domenica 28 febbraio 2010 h 11 – Presentazione del libro “Uccidere i civili. Le stragi naziste in Toscana (1943-1945)” di Gianluca Fulvetti. Interverranno Marco De Paolis – Magistrato del tribunale militare di Verona e Claudio Silingardi, Direttore dell’Istituto Storico della Resistenza di Modena. Modera il dibattito Maurizio Fiorillo – Comitato Scientifico Museo Audiovisivo della Resistenza di Fosdinovo. Sarà presente l’autore.

Domenica 14 Marzo 2010 h 11 – Giornata di studio “Marzo 1944: primavera ribelle, fiorisce la Resistenza in Lunigiana”. Interverranno: Giovanni Contini – Soprintendenza Archivistica per la Toscana, Massimo Salsi – Ricercatore, Maurizio Fiorillo – Comitato scientifico del Museo Audiovisivo della Resistenza di Fosdinovo. Saranno presenti i testimoni: Teresa Cheirasco, Pietro Gnecchi, Paolino Ranieri, Laura Seghettini e Pietro Zuccarelli.

Domenica 18 aprile 2010 h 11 – Presentazione del libro “La Resistenza spiegata a mia figlia” di Alberto Cavaglion. Interverrà la prof.ssa Marzia Luppi, direttrice della Fondazione ex Campo Fossoli di Carpi (MO); modera il dibattito Maurizio Fiorillo – Comitato Scientifico Museo Audiovisivo della Resistenza di Fosdinovo. Sarà presente l’autore.

Sabato 26 giugno 2010 h 17 – Presentazione del libro “Il massacro. Guerra ai civili a Monte Sole” di Paolo Pezzino e Luca Baldissara. Modera il dibattito Maurizio Fiorillo – Comitato Scientifico Museo Audiovisivo della Resistenza di Fosdinovo. Saranno presenti gli autori. Seguirà la proiezione del film “L’uomo che verrà” di Giorgio Diritti. E’ stato invitato il regista.

4. STAFF

Direzione e Segreteria organizzativa
Francesca Caleo
info@museodellaresistenza.it

Gianni Neri

Direzione scientifica
Maurizio Fiorillo

Comunicazione e ufficio stampa
Ugo Ugolini
Chiara Simonazzi

Parola d’Autore Incontri al Museo Audiovisivi della Resistenza 2010ultima modifica: 2010-04-16T12:14:39+02:00da bravo_cook
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento